Informazioni

La TARI, tassa sui rifiuti,  è stata introdotta a  decorrere dal 2014, dalla legge n. 147 del 2013 (legge di stabilità per il 2014), quale tributo facente parte, insieme all’IMU e alla TASI, della IUC e serve a garantire la copertura dei costi di  gestione, spazzamento strade, raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani.

Nel Comune di Bagno a Ripoli il servizio di gestione, spazzamento, raccolta e smaltimento rifiuti è svolto da Alia spa, con sede in via Baccio da Montelupo 52, 50142 Firenze.

Per contatti con ALIA spa:

a) Call center, attivo dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 19.30 e il sabato dalle 8.30 alle 14.30.
- da telefono fisso : 800 888 333
- da rete mobile:  199 105 105 (costo secondo il proprio piano tariffario telefonico)
- da rete fissa e mobile:  0571 196 93 33
- fax:  055 7339205

b) Form Web, reperibile sul sito  www.aliaserviziambientali.it 

c) via PEC/e-mail ai seguenti indirizzi per l’area fiorentina:

-  PEC:       tariffa1@pec.aliaserviziambientali.it
          
-   e-mail:  tariffa.info1@aliaserviziambientali.it
      

d) Sportello TARI di Alia spa nel Comune di Bagno a Ripoli:  presso Biblioteca Comunale,  via Belmonte 38, con il seguente orario: Lunedì dalle 14.30 alle 18.00.  ( Per eventuali variazioni di orario consultare  la sezione “Sportelli al Pubblico” per il Comune di Bagno a Ripoli al seguente link di Alia spa: https://www.sportellotariffa.it/sportelli/ 

Informazioni sulla TARI

Il presupposto della TARI è il possesso o la detenzione a qualsiasi titolo di locali o di aree scoperte operative suscettibili di produrre rifiuti urbani. Sono, invece, escluse dalla TARI le aree scoperte pertinenziali o accessorie a locali tassabili, nonché le aree comuni condominiali di cui all'art. 1117 del codice civile che non siano detenute o occupate in via esclusiva.
La TARI è dovuta da chiunque possieda o detenga il locale o l’area e, quindi, dal soggetto utilizzatore dell’immobile. In caso di detenzione breve dell’immobile, di durata non superiore a sei mesi, invece, la tassa non è dovuta dall’utilizzatore ma resta esclusivamente in capo al possessore (proprietario o titolare di usufrutto, uso, abitazione o superficie). Il tributo è corrisposto in base a tariffa riferita all’anno solare e commisurata tenendo conto dei criteri determinati dal “metodo normalizzato” di cui al D.P.R. n. 158 del 1999, con ripartizione fra utenze domestiche (uso abitazioni) e non domestiche (uso attività).
Le tariffe della TARI devono assicurare, in ogni caso, la copertura integrale dei costi di investimento e di esercizio relativi al servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. Esse sono determinate con delibera del Consiglio comunale sulla base dei costi individuati e classificati nel piano finanziario, redatto dal soggetto che svolge il servizio e approvato dallo stesso Consiglio.

La Tari è composta da una parte fissa PF  a copertura dei costi di investimento,  pulizia strade e gestione, e da una parte variabile PV a copertura dei costi di raccolta e trasporto dei rifiuti.

La parte fissa è così determinata:
- utenze domestiche: tariffa parte fissa per  n. di componenti il nucleo familiare moltiplicato i mq. di superficie tassabile.
- utenze non domestiche : tariffa parte fissa della categoria di attività moltiplicato i mq. di
  superficie tassabile.

La parte variabile è così determinata:

utenze domestiche:  tariffa parte variabile in relazione al n. di componenti del nucleo familiare ( per i non residenti  il n. di componenti è stabilito in base a classi di superficie, art. 9 comma 1 del Regolamento per  l’applicazione della TARI).

- utenze non domestiche: tariffa parte variabile della categoria di attività moltiplicato i mq. di superficie tassabile.

Alla quota della parte fissa ed a quella della parte variabile, per ottenere l’importo che verrà richiesto in pagamento va aggiunta l’addizionale provinciale TEFA (addizionale per la tutela dell’ambiente) stabilita di anno in anno dalla Città Metropolitana di Firenze.

Di seguito riportiamo un esempio di calcolo per utenza domestica di mq. 100  e n.3 componenti del nucleo familiare per un anno (365 giorni), considerando le tariffe dell’anno 2019; l’addizionale provinciale in quell’anno è il 5%:

- tariffa parte fissa per n.3 componenti: € 1,09 €/mq
- tariffa parte variabile  per n.3 componenti: €  205,64

Parte fissa PF = 1,09 * 100 * (365/365) = € 109,00
Parte variabile PV = 205,64 *(365/365) = € 205,64
Totale tassa : 109,00 + 205,64 = € 314,64
Totale dovuto: 314,64 + 5%=  € 330,37

Di seguito riportiamo un esempio di calcolo per utenza non  domestica di mq. 100  per la categoria Bar, Caffè, Pasticceria, per un anno (365 giorni), considerando le tariffe dell’anno 2019; l’addizionale provinciale in quell’anno è il 5%:

- tariffa parte fissa : € 4,32 €/mq
- tariffa parte variabile : €  6,17 €/mq

Parte fissa PF = 4,32 * 100 * (365/365) = € 432,00
Parte variabile PV =  6,17 * 100 * (365/365) = €  617,00
Totale tassa : 432,00 + 617,00 = € 1.049,00
Totale dovuto: 1.049,00 + 5%=  €  1.101,45


Il Regolamento TARI e le delibere sulle tariffe sono presenti, oltre che nel sito di Alia spa per il Comune di Bagno a Ripoli (vedi link esterni in alto a destra), anche nel sito del Comune nella sezione Amministrazione trasparente.

 

RIDUZIONI E AGEVOLAZIONI

Per particolari condizioni di uso, è possibile usufruire di agevolazioni e riduzioni. Per facilitare la consultazione riportiamo il seguente schema riassuntivo:

SERVIZIO PORTA A PORTA (per approfondimenti sul servizio cliccare qui)

E' prevista una agevolazione per le utenze domestiche e non domestiche (riduzione del 10% della parte variabile della tariffa) di cui possono beneficiare coloro che hanno una utenza Tari nelle zone in cui viene avviato ex novo il servizio porta a porta. Tale agevolazione, rispetto alle altre, ha le seguenti caratteristiche:

1. non è necessario presentare formale richiesta;
2. è concessa per un anno ed eventualmente confermata per il secondo, per un periodo massimo di due anni;
3. è concessa “automaticamente“ alle utenze che rientrano nelle zone in cui viene avviato ex novo o confermato per il secondo anno il servizio porta a porta;
4. l'elenco delle vie, in cui, di volta in volta, potrà essere concessa tale agevolazione, è individuato annualmente nella deliberazione di approvazione delle tariffe.


COMPOSTAGGIO

L’utente interessato dovrà ritirare la compostiera presso il gestore, che fornirà altresì apposito documento di consegna che sarà inoltrato all’Ufficio Tariffa per l’aggiornamento dell’utenza.
Qualora l’utente sia già in possesso di una compostiera, dovrà recarsi all’Ufficio Tariffa per presentare apposita richiesta di concessione della riduzione.
La riduzione viene accordata con effetto dalla data di presentazione della domanda. Il soggetto gestore effettuerà appositi sopralluoghi al fine di verificare l’effettivo utilizzo della compostiera a seguito dei quali, in caso di mancato utilizzo, la riduzione verrà revocata d’ufficio con decorrenza dal giorno dell’effettuazione del sopralluogo.
La riduzione riconosciuta per l’attività di compostaggio dei rifiuti organici può essere cumulata con quella conseguente al conferimento dei rifiuti differenziati presso la stazione ecologica o centro di raccolta. Riduzione del 10% della tariffa

 

CONFERIMENTO IN ECOSTAZIONE

Utenze domestiche: a coloro che conferiscono nell'anno solare presso le stazioni ecologiche i rifiuti urbani che, per dimensioni, quantità e qualità, non possono essere raccolti nei cassonetti stradali, sarà riconosciuto uno “sconto“ cioè una riduzione della parte variabile della tariffa  fino ad un massimo del 30% in base ad un “punteggio ambientale” attribuito come di seguito descritto:
150 punti = riduzione del 20% della parte variabile della tariffa
200 punti = riduzione del 30% della parte variabile della tariffa

Utenze non domestiche: si può ottenere uno “sconto” massimo del 30% della parte variabile della tariffa per:
1. avvio al recupero dei rifiuti presso terzi;
2. conferimento presso stazioni ecologiche o centri di raccolta.
La somma delle due modalità di avvio al riciclo non può superare il 30% di riduzione.


NOTA: In entrambi i casi le riduzioni saranno riconosciute nell'anno successivo a quello nel quale sono maturate.

AGEVOLAZIONI UTENZE DOMESTICHE

  • Pensionati il cui nucleo familiare (*) si trovi nelle seguenti condizioni:

- reddito familiare pro-capite, derivante da sola pensione di qualsiasi natura, pari o inferiore all’importo annuo di una pensione minima INPS;
- titolarità del diritto di proprietà, affitto, uso o altro nell’intero territorio nazionale, della sola abitazione compresa in una delle categorie catastali tra A/2 e A/7 (e relative pertinenze) oggetto del beneficio - Agevolazione del 50% della tariffa;

  • Nucleo familiare (*) con più di tre figli di età non superiore a 27 anni: per usufruire dell'agevolazione dovrà essere presentata, a pena di decadenza, annualmente entro il 31 marzo un'autocertificazione attestante un indicatore ISEE in corso di validità non superiore a € 36.151,88 -  riduzione 10% della della tariffa
  • Nucleo familiare (*) in cui sia compresa una persona riconosciuta portatrice di handicap ai sensi degli artt. 3 e 4 della L. 104/92, oppure persona con riconosciuto grado di invalidità al 100%, oppure priva di vista ai sensi della L. 382/70, oppure sordomuta ai sensi della L. 381/70, a condizione che l’unità immobiliare compresa in una delle categorie catastali tra A/2 e A/7 (e relative pertinenze) sia l’unico immobile dei componenti del nucleo familiare su tutto il territorio nazionale - Agevolazione del 50% della tariffa;
  • In presenza di nucleo familiare con più persone riconosciute portatrici di handicap secondo le indicazioni sopra riportate - Agevolazione del 70% della tariffa;
  • Gli assistiti in maniera continuativa da pubbliche amministrazioni con prestazioni monetarie o equivalenti dirette a garantire l'integrazione del minimo vitale - Agevolazione del 100% della tariffa;
  • Anziani e disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, così come definiti al comma 2 dell’articolo 11 del Regolamento per l’applicazione dell’Imposta Municipale Propria (IMU), a condizione che l’immobile in cui precedentemente avevano la residenza anagrafica risulti non utilizzato. Per poter beneficiare dell’agevolazione sarà sufficiente presentare la dichiarazione TARI entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello dell’acquisizione della residenza nei suddetti istituti. - riduzione del 100% della parte variabile della tariffa.
  • Cittadini e associazioni che hanno presentato domanda di iscrizione all'apposita sezione dedicata al baratto amministrativo, contenuta nell'Albo dei Volontari (v. Del. C.C. n. 126/2012) per lo svolgimento di attività finalizzate  alla manutenzione e/o gestione di aree o immobili di proprietà o comunque in disponibilità del Comune individuate preventivamente dagli Uffici Comunali. La Giunta Municipale stabilisce annualmente il limite massimo delle agevolazioni che può essere riconosciuto ed il numero massimo di soggetti da coinvolgere nelle attività programmate. I suddetti limiti sono inseriti nello schema di bilancio approvato in Giunta e proposti al Consiglio contestualmente all'approvazione dei documenti di bilancio e della definizione delle tariffe TARI.

(*) Per nucleo familiare si intendono tutte le persone risultanti dalle certificazioni anagrafiche.

AGEVOLAZIONI UTENZE NON DOMESTICHE

  • convivenze e comunità finalizzate al recupero di disabili, tossicodipendenti etc., legalmente riconosciuti - Agevolazione del 50% della tariffa;
  • locali ed aree adibiti esclusivamente all’attività istituzionale di Associazioni Culturali e ricreative senza fine di lucro - Agevolazione del 20% della tariffa;
  • i conventi, seminari e simili di qualsiasi culto pubblico per la parte adibita all'uso istituzionale, esclusi in ogni caso locali ed aree destinate ad attività diverse - Agevolazione del 100% della tariffa;
  • tutti i vani, le aree scoperte o parzialmente coperte degli impianti sportivi di proprietà comunale concessi in gestione alle società sportive locali; gli spogliatoi e le parti destinate al pubblico annesse a locali ed aree destinate allo svolgimento di attività sportive gestite da associazioni di volontariato e dalle associazioni iscritte nell’apposito albo comunale - Agevolazione del 100% della tariffa;
  • i locali e le aree, adibiti esclusivamente all’attività istituzionale, gestito da organizzazioni di volontariato iscritte nell'apposito registro regionale di cui alla legge 11.8.91 n. 266 e legge regionale 26.4.93 n. 28 - Agevolazione del 100% della tariffa;
  • le aree coperte e scoperte destinate allo svolgimento temporaneo di feste, sagre e attività organizzate dalle associazioni di volontariato di cui ai due precedenti punti, partiti politici, sindacati ed associazioni legalmente costituite che perseguono finalità di interesse sociale e collettivo e da qualsiasi altra iniziativa patrocinata dal Comune con apposita deliberazione - Agevolazione del 100% della tariffa;
  • gli ospizi, istituti di ricovero ed altri locali ed aree in genere condotti da Opere Pie ed altre istituzioni di assistenza e beneficienza - Agevolazione del 100% della tariffa;
  • le parti monumentali di edifici storici limitatamente ai locali ed aree che saranno aperti al pubblico per visite, previa stipula di apposita convenzione con il Comune -  Agevolazione del 100% della tariffa;
  • attività iscritte all’Albo Comunale dei negozi e laboratori storici. L’agevolazione per l’anno 2016 sarà applicata per l’intero anno 2016 se l’iscrizione nell’Albo comunale avverrà entro il 31 maggio. Successivamente sarà riconosciuta senza efficacia retroattiva dalla data di iscrizione al suddetto Albo - Agevolazione del 25% della parte variabile della tariffa;
  • startup (c.d.nuove imprese). L’agevolazione si applica dalla data di inizio occupazione risultante dalla dichiarazione TARI e per l’anno successivo. In caso di ritardata presentazione della denuncia, l’agevolazione sarà riconosciuta per il periodo residuo (dalla data di presentazione della dichiarazione al 31.12 del secondo anno di inizio attività) -  Agevolazione del 50% della parte variabile della tariffa;
  • occupazione suolo per riprese foto-cine-televisive  per le quali la Giunta Comunale abbia espresso “dichiarazione di interesse” con apposito atto d'indirizzo. Riduzione 50%  della tariffa.
  • aree ove si svolgono iniziative commerciali realizzate da soggetti aggregatori di imprese commerciali quali ad esempio associazioni di categoria ed altri enti di promozione ed inseriti nel calendario delle iniziative annuali approvato dall'Amministrazione Comunale o per le quali la stessa abbia espresso manifestazione di interesse con apposito atto d'indirizzo:  riduzione del 50% della tariffa.


            

RIDUZIONI UTENZE DOMESTICHE

 

  • Locali tenuti a disposizione per uso stagionale, da soggetto residente nel territorio dello Stato, o ad altro uso limitato o discontinuo, a condizione che tale destinazione sia specificata nella denuncia originaria o di variazione, indicando espressamente di non voler cedere l’alloggio in locazione o in comodato - Riduzione del 5% della parte variabile della tariffa
  • Locali tenuti a disposizione per uso limitato o discontinuo, da utente che risieda o dimori all’estero per piu di 6 mesi all’anno, a condizione che tale destinazione sia specificata nella denuncia originaria o di variazione, indicando espressamente di non voler cedere l’alloggio in locazione o in comodato  - Riduzione del 20% della parte variabile della tariffa
  • Locali ad uso di abitazione occupati da imprenditori agricoli a titolo principale o da coltivatori diretti - Riduzione del 30% della parte variabile della tariffa
  • Riduzione per zone non servite dal servizio di raccolta. Nel caso di sevizi di raccolta con contenitori stradali ad uso non esclusivo dell’utente, si intendono non servite quelle zone dove nessun contenitore sia collocato a meno di 1000 metri dall’utenza. Nel calcolo non sono ricomprese le strade private e vicinali queste ultime anche se di uso pubblico - Riduzione del 40% della parte variabile della tariffa
  • Utenze domestiche che praticano il compostaggio dei rifiuti organici. Il soggetto Gestore ha la facolta di effettuare appositi sopralluoghi al fine di verificare l’effettivo utilizzo della compostiera (le modalita di ottenimento della compostiera sono consultabili anche sul sito www.aliaspa.org) - Riduzione del 10% della parte variabile della tariffa
  • Per le utenze domestiche, intestate a soggetti residenti nel Comune, costituite da posto auto, garages, cantine o locali accessori a quelli ad uso abitativo, ubicati ad indirizzo diverso da quello dell’abitazione - Riduzione del 100% della parte variabile della tariffa
  • Utenza domestica con unico occupante, ricoverato permanentemente presso casa di cura o di riposo - Riduzione del 100% della parte variabile della tariffa (allegare attestazione ricovero presso la struttura)


RIDUZIONI UTENZE NON DOMESTICHE

  • Riduzione per zone non servite dal servizio di raccolta. Nel caso di servizi di raccolta con contenitori stradali ad uso non esclusivo dell’utente, si intendono non servite quelle zone dove nessun contenitore sia collocato a meno di 1000 metri dall’utenza. Nel calcolo non sono ricomprese le strade private e vicinali queste ultime anche se di uso pubblico - Riduzione del 40% della parte variabile della tariffa
  • Locali ed aree scoperte, relativi ad utenze Non Domestiche, adibiti ad uso stagionale o ad uso non continuativo ma ricorrente, risultante da concessione e/o autorizzazione amministrativa, rilasciata dai competenti Organi per l’esercizio dell’attivita, a condizione che nel corso dell’anno l’uso non si protragga per periodi che complessivamente siano superiori a 183 giorni - Riduzione del 20% della parte variabile della tariffa
  • avvio a recupero dei rifiuti presso terzi:

Le utenze non domestiche che avviano a riciclo i propri rifiuti speciali assimilati agli urbani in modo differenziato presso terzi convenzionati con il soggetto gestore e autorizzati al trattamento dei rifiuti urbani e assimilati agli urbani, potranno usufruire di una riduzione della parte variabile della tariffa fino ad un massimo del 30%.

  • conferimento presso stazioni ecologiche o centri di raccolta:

Le utenze non domestiche che utilizzano la stazione ecologica o il centro di raccolta per il conferimento differenziato dei rifiuti prodotti assimilati agli urbani, potranno ottenere uno sconto fino ad un massimo del 30% della parte variabile della tariffa.

NOTA 1: con riferimento a questi ultimi due casi la somma delle due modalità di avvio al riciclo non può superare il 30% e le riduzioni saranno riconosciute nell'anno successivo a quello nelle quali sono maturate secondo i criteri di calcolo indicati nell'allegato A al Regolamento Comunale Tari.

NOTA 2: con riferimento a tutte le suddette riduzioni esse potranno essere cumulativamente applicate sino al limite massimo del 70% della parte variabile della tariffa. Dette riduzioni cessano di operare alla data in cui ne vengono meno le condizioni di fruizione, anche in mancanza della relativa dichiarazione.

 

Riferimenti e contatti

Ufficio
Sportello tari del Comune di Bagno a Ripoli - presso Biblioteca Comunale
Referente
Alia Spa
Indirizzo
Via di Belmonte, 38 - 50012 Bagno a Ripoli
Fax
055 7339205
E-mail
tariffa1@pec.aliaserviziambientali.it
Orario di apertura
sportello tari aperto il lunedì dalle ore 14.30 alle 18.00 (nei mesi estivi sono possibili variazioni degli orari di apertura al pubblico)

FEEDBACK



Aiutaci a migliorare!

La tua opinione è molto importante! Se vuoi puoi lasciare un commento alla scheda che stai consultando per aiutarci a migliorare il contenuto delle informazioni. Clicca sul pulsante "Lascia feedback" sotto questo messaggio. Grazie!

Lascia il tuo feedback

I campo con * sono obbligatori.

Valutazione *