Descrizione

Per coloro che non sanno o non possono firmare a causa di motivi di salute, sono possibili forme alternative di autentica o dichiarazione.

Diverse possono essere le ragioni di impedimento:

  • Chi non sa o non può firmare:

Il cittadino che non sa firmare la dichiarazione sostitutiva di certificazione o di atto di notorietà (per esempio, l'analfabeta) o non può fisicamente firmare queste dichiarazioni (per esempio, chi ha le mani paralizzate), può rendere queste dichiarazioni davanti a un pubblico ufficiale che si accerta dell'identità del dichiarante e attesta che le dichiarazioni sono state a lui rese dall'interessato, in presenza di un impedimento a firmare.

  • Chi è impossibilitato temporaneamente alla firma per ragioni di salute:

Per il cittadino che si trova in una situazione di impedimento temporaneo a firmare, per ragioni connesse allo stato di salute (per esempio, persona vittima di incidente stradale), le dichiarazioni sostitutive di certificazione o di atto di notorietà sono rese dal coniuge, o in sua assenza dai figli o, in mancanza di questi, da altro parente in linea retta o collaterale fino al terzo grado. In questo caso, la firma del dichiarante dovrà necessariamente essere autenticata da un pubblico ufficiale, il quale si accerta dell'identità del dichiarante e del suo rapporto di parentela con la persona impossibilitata alla firma. All'interno della dichiarazione deve essere espressamente indicata anche l'esistenza dell'impedimento a firmare da parte dell'interessato.

 

In base alla Legge n. 18 del 3/2/1975 art. 3 (Provvedimenti a favore dei ciechi), per espressa richiesta della persona affetta da cecità, è ammessa ad assistere altra persona, nel compimento degli atti o a partecipare alla loro redazione, nei limiti indicati dall'interessato, cui egli accordi la necessaria fiducia. La persona che presta assistenza nel compimento di un atto deve apporre su esso la propria firma, premettendo le parole "il testimone".

L'esistenza di una malattia mentale comporta la necessità di procedere all'inabilitazione o all'interdizione del soggetto, con conseguente azione avanti al giudice ordinario e nomina di curatore o di un tutore.

Le suddette disposizioni non possono essere applicate alle dichiarazioni fiscali.

Modalità di richiesta

In orario di apertura direttamente allo sportello Ufficio Anagrafe o Ufficio Relazioni con il Pubblico

 

Requisiti del richiedente

  • Essere impedito alla firma
  • Essere cittadino italiano o dell'Unione Europea

Può essere presentata anche da cittadini di Paesi non appartenenti all'Unione Europea, regolarmente soggiornanti in Italia, nel caso in cui la dichiarazione riguardi stati, fatti e qualità personali certificabili o attestabili da parte di soggetti pubblici italiani.

Costi

  • 0.52 euro di diritti di segreteria per autentica di firma
  • marca da bollo secondo valore vigente

Normativa di riferimento

  • D.P.R. 445/2000 art. 4
  • Legge n. 18 del 3/2/1975 art. 3 (Provvedimenti a favore dei ciechi)

 

Riferimenti e contatti

Ufficio
Servizi Demografici - Ufficio Relazioni con il Pubblico
Referente
Stefano Franchi - Paola Gennai - Maila Lanzini - Paola Mori - Filippo Salvadori - Petra Snijders
Responsabile
Antonella Biliotti
Indirizzo
Piazza della Vittoria, 1 - 50012 Bagno a Ripoli
Tel
055055
Fax
055 6390267
E-mail
servizidemografici@comune.bagno-a-ripoli.fi.it , urp@comune.bagno-a-ripoli.fi.it , comune.bagno-a-ripoli@postacert.toscana.it
Orario di apertura
Clicca su link esterno

FEEDBACK



Aiutaci a migliorare!

La tua opinione è molto importante! Se vuoi puoi lasciare un commento alla scheda che stai consultando per aiutarci a migliorare il contenuto delle informazioni. Clicca sul pulsante "Lascia feedback" sotto questo messaggio. Grazie!

Lascia il tuo feedback

I campo con * sono obbligatori.

Valutazione *