Propaganda elettorale: spazi per affissioni

In data 27 febbraio 2020 la giunta comunale ha approvato l'ubicazione degli spazi destinati alla propaganda elettorale (delibera n. 24) e l'ordine di affissione dei manifesti (delibera 25) che sono consultabili in allegato.

Si ricorda che dal 30° giorno precedente quello della votazione e quindi da venerdì 28 febbraio inizia la campagna elettorale e, a partire da tale giorno:

  • i manifesti di propaganda politica possono essere affissi solo negli spazi dedicati e solo a cura dei soggetti policiti che ne hanno fatto richiesta;
  • sono vietati il lancio o getto di volantini in luogo pubblico o aperto al pubblico;
  • ogni forma di propaganda elettorale luminosa o figurativa, a carattere fisso in luogo pubblico, escluse le insegne delle sedi dei partiti;
  • ogni forma di propaganda luminosa mobile.

Nel periodo di campagna elettorale e quindi da venerdì 28 febbraio, l'uso di altoparlandi su mezzi mobili è consentito solo nei termini e limi di cui all'art. 7, della legge n. 130/1975.

Art. 7. Le riunioni elettorali alle quali non si applicano le disposizioni dell'articolo 18 del testo unico 18 giugno 1931, n. 773, delle leggi di pubblica sicurezza, a termine dell'ultimo comma dello stesso articolo, possono aver luogo non prima del 30° giorno antecedente la data fissata per le elezioni. Durante detto periodo l'uso di altoparlanti su mezzi mobili e' consentito soltanto per il preannuncio dell'ora e del luogo in cui si terranno i comizi e le riunioni di propaganda elettorale e solamente dalle ore 9 alle ore 21,30 del giorno della manifestazione e di quello precedente, salvo diverse motivate determinazioni piu' restrittive adottate da parte degli enti locali interessati relativamente agli orari anzidetti. La contravvenzione alle norme di cui al comma precedente e' punita con l'arresto fino a 6 mesi e con l'ammenda da lire 50.000 a lire 500.000. ((1)) .

* * * * * * * * * *

Entro lunedì 24 febbraio 2020 i partiti/gruppi politici presenti in Parlamento e i promotori del referendum possono presentare richiesta di assegnazione spazi per le affissioni di propaganda diretta.

Le domande dei partiti o gruppi politici presenti in Parlamento dovranno essere sottoscritte dai rispettivi organi nazionali o parlamentari o dai rispettivi organi regionali, provinciali o comunali, mentre quelle dei promotori del referendum dovranno essere sottoscritte da almeno uno dei promotori stessi.

Le istanze, corredate di documento d’identità del richiedente, potranno altresì essere sottoscritte anche da persone delegate da parte di uno dei soggetti sopra identificati, purché corredate dal relativo atto di delega.
Non è richiesta nessuna autenticazione per la sottoscrizione delle domande o delle deleghe.

Le richieste devono essere presentate entro il 24 febbraio 2020, con una delle seguenti modalità:

La Giunta comunale individua le postazioni e assegna gli spazi ai richiedenti; gli atti saranno adottati adottati nel periodo di tempo compreso tra il 25 e il 27 febbraio 2020.