Buoni Spesa, requisiti e modalità per richiedere il contributo alimentare

Buoni spesa

Il buono spesa è una tantum e utilizzabile esclusivamente per l'acquisto di generi di prima necessità

Le famiglie che a causa dell’emergenza COVID 19 si trovano in forte stato di bisogno economico possono accedere a contributi da destinare esclusivamente all’acquisto di generi di prima necessità.

Il contributo è una tantum (viene concesso una sola volta) e verrà erogato in relazione al numero di componenti del nucleo familiare.

Per "generi di prima necessità" s'intende:

  • medicinali
  • prodotti alimentari
  • prodotti per l’igiene personale - ivi compresi pannolini, pannoloni, assorbenti
  • prodotti per l’igiene della casa

Sono esclusi gli alcolici.

Qui a fianco è possibile scaricare l'elenco dei negozi che hanno aderito all'azione di sostegno verso le famiglie bisognose, frazione per frazione, da indicare nell'autocertificazione e dove poi sarà possibile recarsi per l'acquisto. In allegato anche la comunicazione da presentare per essere inseriti nell'elenco.

Si precisa che l'elenco è provvisorio e gli esercizi che volessero entrare a farne parte possono presentare la comunicazione allegata.

Si precisa inoltre che chi ritiene di aver diritto a usufruire del bonus NON deve presentarsi negli esercizi in elenco ma presentare domanda al Settore Servizi Sociali e seguire le istruzioni che verranno impartite. Per qualunque informazione in proposito, chiamare il numero 055.6390.353.

 

Possono accedere al contributo:

1) i soggetti individuati dai servizi sociali, ovvero cittadini senza reddito comunque valutati dai servizi sociali, con carattere di priorità

2) i cittadini residenti il cui nucleo familiare non possiede più un reddito sufficiente al sostentamento e che posseggono almeno uno dei seguenti requisiti:

• perdita del lavoro in conseguenza dell’emergenza;
• cassa integrazione o similari, disoccupati anche se con NASPI, con altri familiari che hanno avuto una forte riduzione del reddito;
• partite IVA e piccoli imprenditori, professionisti che hanno drasticamente ridotto il volume d’affari;
• lavori intermittenti e stagionali che hanno avuto drastiche riduzioni nelle chiamate;
• caso di malattia grave o decesso di un componente del nucleo familiare legato all'emergenza COVID appena intervenuta che abbia comportato una consistente riduzione del reddito familiare.

Per i cittadini stranieri sono state tradotte in albanese, arabo, cinese, francese, inglese, rumeno e spagnolo le informazioni per presentare domanda per i buoni spesa. Si accede alle traduzioni cliccando al link a lato della pagina.

I cittadini stranieri che hanno bisogno di un supporto si possono rivolgere agli sportelli informativi, cliccando al lato della pagina.

Le domande possono essere inviate:

allegando il documento d'identità del richiedente.

Per una migliore gestione delle domande si prega di compilare tutti i campi della mail specificando nell'oggetto "Richiesta buoni spesa" e nel testo della mail i dati del richiedente: nome, cognome e numero di telefono. Se, per le dimensioni degli allegati è necessario inviare più mail, vi invitiamo a specificare nell'oggetto il numero della mail. 

Esempio:

se vengono fatte due mail - una con le immagini dell'autocertificazione richiesta e una per il documento di identità - nell'oggetto della prima mail deve essere indicato "richiesta buoni spesa mail 1/2" e nella seconda "richiesta buoni spesa mail 2/2".

Per ulteriori chiarimenti e approfondimenti e per scaricare il modulo di autocertificazione cliccare sugli allegati.

Per informazioni  è possibile chiamare i seguenti numeri: 055.6390.353