Descrizione

Il 31.01.2018 è entrata in vigore la Legge 219/2017 "Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento". Le Disposizioni Anticipate di Trattamento "DAT" permettono di esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari. Per i residenti del Comune di Bagno a Ripoli il modulo è disponibile in questa pagina e deve essere consegnato personalmente dal disponente all'Ufficio di Stato Civile.

Modalità di richiesta

Le Disposizioni Anticipate di Trattamento (DAT) possono essere presentate personalmente dal disponente presso l’Ufficio di Stato Civile del Comune di Bagno a Ripoli.

L’Ufficio ha predisposto un modello di "Disposizioni Anticipate di Trattamento" (scaricabile cliccando sull'allegato a fianco) che vuol essere un semplice “ausilio” per la compilazione delle proprie volontà, ma che non è assolutamente esaustivo dei possibili contenuti delle disposizioni che sono lasciate alla piena volontà dei disponenti dopo aver acquisite adeguate informazioni mediche. Nel caso si voglia nominare un fiduciario, occorre compilare anche la parte relativa all'accettazione.

Con le stesse modalità, le DAT sono rinnovabili, modificabili e revocabili in ogni momento.

Le DAT devono essere redatte in uno dei seguenti modi:

  • per atto pubblico
  • per scrittura privata autenticata
  • per scrittura privata consegnata PERSONALMENTE dal disponente presso l’Ufficio di Stato Civile del Comune di residenza del disponente stesso. L’Ufficio provvede all’annotazione della DAT in apposito registro.

Le DAT possono altresì essere consegnate direttamente presso le strutture sanitarie.

Requisiti del richiedente

Ogni persona maggiorenne e capace di intendere e volere può - attraverso le DAT (Disposizioni Anticipate di Trattamento) esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto rispetto ad accertamenti diagnostici o scelte terapeutiche ed a singoli trattamenti sanitari, in previsione di un’eventuale futura incapacità di farlo.

Nelle stesse disposizioni anticipate può essere indicata una persona di fiducia (“fiduciario”), che faccia le veci del disponente e lo rappresenti nelle relazioni con il medico e con le strutture sanitarie. L’accettazione della nomina da parte del fiduciario può risultare dalla sottoscrizione della DAT o con atto successivo che verrà allegato alla stessa.

Documentazione da presentare

Modulo DAT con copia dei documenti di identità del disponente e dell'eventuale fiduciario

Costi

Le DAT sono esenti dall’obbligo di registrazione, dall’imposta di bollo e da qualsiasi altro tributo, imposta, diritto e tassa.

Informazioni

Sulla base della nuova Legge 219/2017 “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento” - il cosiddetto “Testamento Biologico” - ogni persona maggiorenne e capace di intendere e volere può, attraverso le DAT (Disposizioni Anticipate di Trattamento), esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto rispetto ad accertamenti diagnostici o scelte terapeutiche e a singoli trattamenti sanitari, in previsione di un’eventuale futura incapacità di farlo.

Nelle stesse disposizioni anticipate può essere indicata una persona di fiducia (“fiduciario”) che faccia le veci del disponente e lo rappresenti nelle relazioni con il medico e con le strutture sanitarie. L’accettazione della nomina da parte del fiduciario può risultare dalla sottoscrizione della DAT o con atto successivo che verrà allegato alla stessa.

Fermo restando che il cittadino non può esigere trattamenti sanitari contrari a norme di legge, alla deontologia professionale o alle buone pratiche clinico-assistenziali, il medico è tenuto al rispetto delle DAT, che possono essere disattese in tutto o in parte dal medico stesso, in accordo con il fiduciario, qualora esse appaiano palesemente incongrue o non corrispondenti alla condizione clinica attuale o sussistano terapie non prevedibili all’atto della sottoscrizione delle DAT, capaci di offrire concrete possibilità di miglioramento delle condizioni di vita.

Qualora le DAT non contengano l’indicazione del fiduciario o questi vi abbia rinunciato o sia deceduto o sia divenuto incapace, le DAT mantengono efficacia in merito alle volontà del disponente.

Il consenso informato al trattamento sanitario del minore è espresso o rifiutato dagli esercenti la responsabilità genitoriale o dal tutore tenendo conto della volontà della persona minore, in relazione alla sua età e al suo grado di maturità.
Il consenso informato della persona interdetta (art. 414 C.c.) è espresso o rifiutato dal tutore, sentito l’interdetto ove possibile.
Il consenso informato della persona inabilitata è espresso dalla stessa persona inabilitata.
Nel caso in cui sia stato nominato un amministratore di sostegno, la cui nomina preveda l’assistenza necessaria o la rappresentanza esclusiva in ambito sanitario, il consenso informato è espresso o rifiutato anche dall’amministratore di sostegno ovvero solo da quest’ultimo, tenendo conto della volontà del beneficiario, in relazione al suo grado di capacità di intendere e di volere.

Normativa di riferimento

Legge 219/2017 “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento”

Riferimenti e contatti

Ufficio
Servizi Demografici
Referente
Stefano Franchi - Paola Gennai - Paola Mori - Antonietta Musillo - Petra Snijders
Responsabile
Dr. Fabio Baldi
Indirizzo
Piazza della Vittoria, 1 - 50012 Bagno a Ripoli
Tel
055 6390232 - 233 - 306 - 284
Fax
055 6390299
E-mail
servizidemografici@comune.bagno-a-ripoli.fi.it, comune.bagno-a-ripoli@postacert.toscana.it
Orario di apertura
Lunedì - Mercoledì e Venerdì 8:00 - 13:00; Martedì e Giovedì 8:00 - 12:00 e 14:30 - 18:00

FEEDBACK



Aiutaci a migliorare!

La tua opinione è molto importante! Se vuoi puoi lasciare un commento alla scheda che stai consultando per aiutarci a migliorare il contenuto delle informazioni. Clicca sul pulsante "Lascia feedback" sotto questo messaggio. Grazie!

Lascia il tuo feedback

I campo con * sono obbligatori.

Valutazione *