Informazioni

Aree scoperte
Le superfici relative alle aree scoperte sono così tassabili:

  1. aree scoperte operative a servizio di complessi non abitativi: 100%;
  2. aree scoperte pertinenziali o accessorie a civile abitazione (balconi, terrazze, posti macchina, resedi, tettoie, pilotis): non tassabili;
  3. aree scoperte pertinenziali o accessorie a locali diversi dalle civili abitazioni (parcheggi gratuiti per i clienti o dipendenti delle attività economiche): non tassabili;
  4. aree scoperte o pertinenziali ad altra area scoperta operativa (viabilità interna che collega diverse aree operative): 100%;
  5. aree adibite a verde: non tassabili.

Detassazioni
Per le attivita' di seguito elencate, nel caso in cui risulti difficile determinare la superficie sulla quale si producono rifiuti speciali non assimilati agli urbani, tossici o nocivi, in quanto le operazioni relative non sono esattamente localizzate, si applica la detassazione riducendo la superficie dei locali adibiti ad attività produttiva o di lavorazione (esclusi pertanto i locali o le aree adibiti a uffici, magazzini, servizi, mense e qualsiasi altro locale ove non si producano detti rifiuti) delle percentuali sottoindicate.
La detassazione viene accordata a richiesta di parte ed a condizione che l'interessato dimostri lo smaltimento a propria cura e spese allegando idonea documentazione

Attivita' percentuale di detassazione

  • falegnamerie: 20%;
  • autocarrozzerie: 60%;
  • autofficine per riparazione veicoli: 60%;
  • autofficine di elettrauto: 20%;
  • distributori di carburante: 20%;
  • lavanderie: 10%;
  • verniciatura: 80%;
  • galvanotecnici: 90%;
  • fonderie: 90%;
  • gommisti: 50%;
  • pelletterie: 50%.

Qualsiasi altra attivita' non prevista nell'elenco e che risulti nella condizione di cui al primo periodo della presente descrizione: riduzione del 20%.

Riduzioni di tariffa
Le tariffe unitarie si applicano in misura ridotta nei seguenti casi:

  • abitazioni con unico occupante: riduzione del 33,3%;
  • abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale o altro uso limitato o discontinuo a condizione che tale destinazione sia specificata nella denuncia originaria o di variazione indicando l'abitazione di residenza e l'abitazione principale e dichiarando espressamente di non voler cedere l'alloggio in locazione o in comodato: riduzione del 5%;
  • abitazioni di utente che, nelle condizioni di cui al precedente punto b), risieda o dimori all'estero per piu' di sei mesi all'anno: riduzione del 20%;
  • locali ed aree scoperte, diverse dalle abitazioni, adibiti ad uso stagionale o ad uso non continuativo ma ricorrente, risultante da licenza o autorizzazione rilasciata dai competenti organi per l'esercizio dell'attivita': riduzione del 20%;
  • parte abitativa del fabbricato rurale occupato dall'agricoltore: riduzione del 30%. Fabbricato rurale e' quello risultante tale al catasto;
  • attivita' produttive, commerciali e di servizi per le quali gli utenti dimostrino di aver sostenuto spese per interventi tecnico-organizzativi al fine di ottenere una minore produzione di rifiuti o un pretrattamento volumetrico, selettivo o qualitativo che agevoli lo smaltimento o il recupero: riduzione del 30%.

Le riduzioni di cui sopra saranno concesse su domanda degli interessati, debitamente documentata ove richiesto, previo accertamento dell'effettiva sussistenza di tutte le condizioni suddette.

Qualora si verifichi il cumulo di piu' riduzioni, il limite massimo della riduzione e' stabilito al 75%.

La richiesta di esenzione equivale ad una richiesta di cancellazione.

Riduzioni per zone non servite
Nelle zone ove non e' effettuata la raccolta dei rifiuti (si considerano tali quando il cassonetto e' ubicato ad oltre 1 km. dall'utenza, calcolato su strada pubblica), la tassa e' dovuta nella misura ridotta del 60%.

Agevolazioni
Sono concesse le seguenti agevolazioni:

  • convivenze e comunita' finalizzate al recupero di handicappati, tossicodipendenti, etc., legalmente costituite: agevolazione del 50%;
  • pensionati il cui nucleo familiare si trovi in AMBEDUE le seguenti condizioni:
    - reddito familiare pro capite derivante da sola pensione di qualsiasi natura, pari o inferiore all'importo annuo di una pensione minima Inps;
    - titolarita' del diritto di proprieta', affitto, uso o altro nell'intero territorio nazionale della sola abitazione (con annessi e pertinenze) oggetto del beneficio: agevolazione del 75%;
  • nuclei familiari con piu' di tre figli con un solo reddito: agevolazione del 10% (a tal fine, per un solo reddito si intende l'unico reddito percepito da un solo componente della famiglia proveniente da lavoro dipendente, pensione o lavoro autonomo; non si considera reddito la rendita catastale della sola unita' immobiliare adibita ad abitazione principale del nucleo familiare con eventuali annessi e pertinenze);
  • nuclei familiari in cui sia presente una persona disabile o un infermo non autosufficiente: agevolazione del 60%;
  • associazioni ricreative e/o culturali senza fine di lucro: agevolazione del 20%.

Per nucleo familiare si intendono tutte le persone di fatto conviventi, anche se non risultanti dalle certificazioni anagrafiche.
Per l'ottenimento delle predette agevolazioni deve essere presentata apposita documentazione probatoria.

DECORRENZA DELLE RIDUZIONI E DELLE AGEVOLAZIONI :

  • se la riduzione o agevolazione e' presentata contestualmente alla denuncia originaria, decorre dall'inizio dell'obbligazione tributaria;
  • se la riduzione o agevolazione e' presentata su modulo prestampato o contestualmente alla denuncia di variazione, decorre dall'anno successivo a quello di presentazione (esempio: un contribuente chiede la riduzione per unico occupante dal 1.03.2001, la stessa decorre dal 1.01.2002

TERMINI DI PRESENTAZIONE RICHIESTE DI RIDUZIONE:

I moduli per la richiesta di detassazioni, riduzioni ed agevolazioni devono essere presentati entro il 20 gennaio dell'anno successivo a quello in cui si e' verificato il possesso del requisito.

DECADENZA DAL REQUISITO:

Il venir meno delle condizione di riduzione e/o agevolazione deve essere comunicato entro il 20 gennaio dell'anno successivo alla perdita del requisito.

 

 

Decorrenza delle riduzioni e delle agevolazioni:

  • se la riduzione o agevolazione e' presentata contestualmente alla denuncia originaria, decorre dall'inizio dell'obbligazione tributaria;
  • se la riduzione o agevolazione e' presentata su modulo prestampato o contestualmente alla denuncia di variazione, decorre dall'anno successivo a quello di presentazione.

Esempio: un contribuente chiede la riduzione per unico occupante dal 1.3.2001, la stessa decorre dal 1.1.2002.

Il venir meno delle condizione di riduzione e/o agevolazione deve essere comunicato entro il 20 gennaio dell'anno successivo alla perdita del requisito.

 

Avvertenze


ATTENZIONE
Dal 1 gennaio 2013 è entrato in vigore il Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi "TARES", per maggiori informazioni sul nuovo tributo consultare il link TARES 2013 a fondo pagina.

Riferimenti e contatti

Ufficio
Ufficio Tributi
Referente
Giovanni Gabrielli - Anna Rita Meriggioli
Responsabile
Dr. Dario Navarrini (Funzionario Responsabile)
Indirizzo
Piazza della Vittoria, 1 - 50012 Bagno a Ripoli
Tel
055 6390257 - 055 6390262
Fax
055 6390267
Orario di apertura
Lunedi dalle ore 8:00 alle ore 13:00; Martedi e Giovedi dalle ore 14:30 alle ore 18:00

FEEDBACK



Aiutaci a migliorare!

La tua opinione è molto importante! Se vuoi puoi lasciare un commento alla scheda che stai consultando per aiutarci a migliorare il contenuto delle informazioni. Clicca sul pulsante "Lascia feedback" sotto questo messaggio. Grazie!

Lascia il tuo feedback

I campo con * sono obbligatori.

Valutazione *