Descrizione

All'attuazione delle attività di Protezione Civile provvedono, secondo i rispettivi ordinamenti e le rispettive competenze, le amministrazioni dello Stato, le Regioni, le Province, i Comuni e le Comunità Montane e vi concorrono i cittadini ed i gruppi

Informazioni

A seguito del passaggio di competenze in materia di protezione civile disposto dalle leggi Bassanini e dell'entrata in vigore della riforma del Titolo V della Costituzione, la Regione ha significativamente modificato l'organizzazione preposta allo svolgimento di tali competenze.

Il sistema che si è costruito è basato sui principi di sussidiarietà ed integrazione, in base ai quali la Regione con gli Enti locali, insieme al volontariato, alle aziende di servizi, al mondo scientifico ed alle altre risorse del territorio, costituiscono un insieme organico ed integrato denominato Sistema regionale di protezione civile che, nel fissare l'ordinamento del sistema regionale della Protezione Civile, ha disciplinato la relativa attività individuando, fra l'altro, le funzioni di competenza dei Comuni e degli altri soggetti istituzionali. In particolare, sono attribuite ai comuni le seguenti competenze:

  1. elaborare il quadro dei rischi in relazione al territorio comunale;
  2. definire l'organizzazione e le procedure per fronteggiare l'emergenza nell'ambito del territorio comunale;
  3. adottare tutte le iniziative di prevenzione tra cui, in particolare , l'informazione alla popolazione e l'organizzazione di esercitazioni;
  4. assunzione del coordinamento degli interventi di soccorso nell'ambito del territorio comunale;
  5. provvedere al censimento dei danni conseguenti ad eventi calamitosi ed individuare gli interventi necessari per il superamento dell'emergenza;
  6. provvedere all'impiego del volontariato.

Il primo responsabile della protezione civile in ogni Comune è il Sindaco, che organizza le risorse comunali secondo piani prestabiliti per fronteggiare i rischi specifici del suo territorio. Quando si verifica un evento calamitoso, il Servizio nazionale della protezione civile è in grado, in tempi brevissimi, di definire la portata dell'evento e valutare se le risorse locali siano sufficienti a farvi fronte.

In caso contrario si mobilitano immediatamente i livelli provinciali, regionali e, nelle situazioni più gravi, anche il livello nazionale, integrando le forze disponibili sul posto con gli uomini e i mezzi necessari.

 

Riferimenti e contatti

Ufficio
Centro Operativo Comune di Bagno a Ripoli - Settore Protezione Civile
Responsabile
Roberto Fanfani
Indirizzo
Via Antella, 32 - 50012 Ponte A Niccheri (FI)
Tel
055 055
Fax
055 644340
E-mail
Ricevono su appuntamento

FEEDBACK



Aiutaci a migliorare!

La tua opinione è molto importante! Se vuoi puoi lasciare un commento alla scheda che stai consultando per aiutarci a migliorare il contenuto delle informazioni. Clicca sul pulsante "Lascia feedback" sotto questo messaggio. Grazie!

Lascia il tuo feedback

I campo con * sono obbligatori.

Valutazione *