Modalità di richiesta

Contro l'avviso di accertamento,  il provvedimento che irroga le sanzioni, il ruolo e il provvedimento che respinge l'istanza di rimborso, può essere presentato ricorso.



Entro il termine perentorio di 60 giorni dal ricevimento dell'avviso di accertamento o altro provvedimento, l'eventuale  ricorso va notificato al Comune di Bagno a Ripoli – Settore delle Risorse Tributarie – Piazza della Vittoria 1 – 50012 Bagno a Ripoli (FI) con le modalità previste dagli articoli 137 e seguenti del Codice Procedura Civile oppure mediante spedizione a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento in plico senza busta o posta elettronica certificata (comune.bagno-a-ripoli@postacert.toscana.it) oppure tramite consegna diretta al Comune medesimo che ne rilascia ricevuta.
Secondo l'art.17 bis del D.Lgs. n. 546/92, modificato dal D.Lgs. n.156/2015, nel caso in cui il valore della controversia sia non superiore ad € 20.000,00 (avendo come riferimento il solo importo del tributo, escluso quindi interessi e sanzioni irrogate), il ricorso produce anche gli effetti di un reclamo e può contenere una proposta di mediazione con rideterminazione dell’ammontare della pretesa.
Dalla data di ricevimento del ricorso al Comune decorrono 90 giorni per la conclusione del procedimento di reclamo.
Il ricorrente dovrà costituirsi in giudizio mediante deposito del ricorso stesso presso la Segreteria della Commissione Tributaria Provinciale adita secondo le modalità previste dall’art. 22, comma 1, del D.Lgs. 546/92, previo pagamento del contributo unificato, entro il termine di 30 giorni che decorre:
a) dal compimento dei 90 giorni, nel caso in cui non sia stato formalizzato alcun provvedimento in merito al reclamo e all'eventuale accordo di mediazione;
b) dalla comunicazione del provvedimento che accoglie parzialmente il reclamo oppure del provvedimento che respinge l'istanza. 
Per le controversie di importo superiore a € 20.000,00, il termine di 30 giorni per la costituzione in giudizio, mediante deposito del ricorso stesso presso la Segreteria della Commissione Tributaria Provinciale adita secondo le modalità previste dall’art. 22, comma 1, del D.Lgs. 546/92, previo pagamento del contributo unificato, decorre dalla notifica del ricorso al Comune.

Se l'importo dell'atto impositivo è superiore ad € 3.000,00 è necessario che, ai sensi dell'art.12 del D.Lgs. n. 546/92, il ricorrente dia mandato ad un difensore abilitato all'assistenza tecnica nel processo tributario.
 

Costi

Il contributo unificato sui ricorsi tributari è dovuto in maniera scaglionata a seconda della fascia di valore in cui si colloca la controversia (minimo € 30,00 fino al valore di € 2582,28; massimo € 1500,00 oltre il valore di € 200000,00).

 

Normativa di riferimento

- D.L. 546/1992.

- Codice di Procedura Civile Art. n. 137.

- D.L. 98/2011.

 

Riferimenti e contatti

Ufficio
Settore Risorse Tributarie
Referente
Eleonora Turrini - Fabrizio Lo Vecchio
Responsabile
Dr. Dario Navarrini (Funzionario Responsabile)
Indirizzo
Piazza della Vittoria, 1 - 50012 Bagno a Ripoli
Tel
055 6390258 - 0556390273
Fax
055 6390267
E-mail
eleonora.turrini@comune.bagno-a-ripoli.fi.it - fabrizio.lovecchio@comune.bagno-a-ripoli.fi.it
Orario di apertura
Lunedì dalle ore 8:00 alle ore 13:00; Martedì e Giovedì dalle ore 14:30 alle ore 18:00

FEEDBACK



Aiutaci a migliorare!

La tua opinione è molto importante! Se vuoi puoi lasciare un commento alla scheda che stai consultando per aiutarci a migliorare il contenuto delle informazioni. Clicca sul pulsante "Lascia feedback" sotto questo messaggio. Grazie!

Lascia il tuo feedback

I campo con * sono obbligatori.

Valutazione *