Modalità di richiesta

Utilizzare l'apposito modello ministeriale (disponibile negli allegati), avendo cura di compilarlo in ogni sua parte e di sottoscriverlo.

Requisiti del richiedente

Con Provvedimento del 18/12/2007 del Direttore dell'Agenzia del Territorio e' stata accertata l'effettiva operativita' del sistema di circolazione e fruizione dei dati catastali, pertanto l'obbligo di presentare la denuncia di variazione I.C.I.  rimane nei casi in cui non siano applicabili le procedure telematiche dell'art.3-bis del D.Lgs. n. 463/1997 modello unico informatico e per gli adempimenti previsti in materia di riduzione d'imposta.

L'adempimento di presentazione della dichiarazione I.C.I. deve ritenersi ancora dovuto in relazione:

  • ai fabbricati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati a cui deve essere allegata, a pena di decadenza, la perizia tecnica o la dichiarazione sostitutiva;
  • alle aree edificabili possedute da coltivatori diretti o da imprenditori agricoli a titolo principale e dai medesimi condotti, per le quali deve essere presentata apposita autocertificazione;
  • agli immobili oggetto di atti notarili per i quali non è stato esteso modello unico informatico (MUI);
  • ai casi in cui il comune non è comunque in possesso delle informazioni necessarie per verificare il corretto adempimento dell’obbligazione tributaria:

1.l’immobile è stato oggetto di locazione finanziaria;
2.l’atto costitutivo, modificativo o traslativo del diritto ha avuto ad oggetto un’area fabbricabile;
3.il terreno agricolo è divenuto area fabbricabile o viceversa;
4.l’area è divenuta edificabile in seguito alla demolizione del fabbricato;
5.l’immobile è assegnato al socio della cooperativa edilizia (non a proprietà indivisa), in via provvisoria;
6.l’immobile è assegnato al socio della cooperativa edilizia a proprietà indivisa oppure è variata la destinazione ad abitazione principale dell’alloggio;
7.l’immobile è stato concesso in locazione dagli istituti autonomi per le case popolari (IACP) e dagli enti di edilizia residenziale pubblica aventi le stesse finalità;
8.l’immobile ha perso oppure ha acquistato il diritto all’esenzione o all’esclusione dall’ICI (non si deve presentare la dichiarazione nel caso in cui l'esenzione riguardi l'abitazione principale);
9.l’immobile ha acquisito oppure ha perso la caratteristica della ruralità;
10.il fabbricato classificabile nel gruppo catastale D, non iscritto in catasto, ovvero iscritto, ma senza attribuzione di rendita, interamente posseduto da imprese e distintamente contabilizzato, per la contabilizzazione di costi aggiuntivi;
11.l’immobile, già censito in catasto in una categoria del gruppo D, interamente posseduto da imprese e distintamente contabilizzato, è stato oggetto di attribuzione di rendita d’ufficio;
12.l’immobile è stato oggetto in catasto di dichiarazione di nuova costruzione ovvero di variazione per modifica strutturale oppure per cambio di destinazione d’uso (DOC-FA);
13.è intervenuta, relativamente all’immobile, una riunione di usufrutto;
14.è intervenuta, relativamente all’immobile, un’estinzione del diritto di abitazione, uso, enfiteusi o di superficie;
15.l’immobile è di interesse storico o artistico;
16.le parti comuni dell’edificio indicate nell’art. 1117, n. 2 del codice civile sono accatastate in via autonoma;
17.l’immobile è oggetto di diritti di godimento a tempo parziale di cui al D. Lgs. 9 novembre 1998, n. 427 (multiproprietà);
18.l’immobile è posseduto, a titolo di proprietà o di altro diritto reale di godimento, da persone giuridiche, interessate da fusione, incorporazione o scissione;
19.si è verificato l’acquisto o la cessazione di un diritto reale sull’immobile per effetto di legge (ad esempio l’usufrutto legale dei genitori);
20.l’immobile è stato oggetto di un atto di concessione amministrativa su aree demaniali;
21.l’immobile è stato oggetto di vendita all’asta giudiziaria;
22.l’immobile è stato oggetto di vendita nell’ambito delle procedure di fallimento o di liquidazione coatta amministrativa.

In ogni altro caso, è fatta salva la facoltà  dei contribuenti di presentare la dichiarazione o altro tipo di comunicazione al fine di fornire all’Ufficio Tributi dati e notizie che permettano di aggiornare la banca dati ICI in modo più preciso e tempestivo.

In caso di successione relativa a decessi avvenuti dal 25/10/2001 (data di entrata in vigore della L. n. 383 del 18/10/2001) per gli immobili inclusi nella dichiarazione di successione l’erede ed i legatari non sono obbligati a presentare la dichiarazione.

La dichiarazione I.C.I. deve essere presentata, utilizzando il modello ministeriale, entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa all'anno oggetto di variazione.

Per le variazioni dell'anno 2010 i termini sono i seguenti:

entro il 30/06/2011 per i contribuenti che presentano la dichiarazione dei redditi in forma cartacea;
entro il 30/09/2011 per i contribuenti che presentano la dichiarazione dei redditi in via telematica.
entro l'ultimo giorno del 9° mese successivo a quello di chiusura del periodo d'imposta per i contribuenti che presentano la dichiarazione dei redditi in via telematica con esercizio non coincidente con l'anno solare.

 

 

 

 

Riferimenti e contatti

Ufficio
Settore Risorse Tributarie
Referente
Eleonora Turrini - Fabrizio Lo Vecchio
Responsabile
Dr. Dario Navarrini (Funzionario Responsabile)
Indirizzo
Piazza della Vittoria, 1
Tel
055/6390258 - 6390273
Fax
055/6390267
E-mail
eleonora.turrini@comune.bagno-a-ripoli.fi.it - fabrizio.lovecchio@comune.bagno-a-ripoli.fi.it
Orario di apertura
Lunedì dalle 8:00 alle 13:00; Martedì e Giovedì dalle 14:30 alle 18:00

FEEDBACK



Aiutaci a migliorare!

La tua opinione è molto importante! Se vuoi puoi lasciare un commento alla scheda che stai consultando per aiutarci a migliorare il contenuto delle informazioni. Clicca sul pulsante "Lascia feedback" sotto questo messaggio. Grazie!

Lascia il tuo feedback

I campo con * sono obbligatori.

Valutazione *